Controlli del Commissariato Borgo-Ognina, elevate sanzioni ad esercizi commerciali per mancata emissione dello scontrino, sequestrato autolavaggio

Polizia

Nei giorni scorsi, personale del Commissariato Borgo-Ognina e del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, con la collaborazione della Guardia di Finanza e della Polizia Locale settore annona-ambientale, nell’ambito del piano d’azione “Modello Trinacria” finalizzato alla prevenzione e il contrasto della criminalità, ha effettuato controlli straordinari nei quartieri di Barriera, Borgo e Picanello. In particolare, sono state controllate 45 persone e 12 veicoli, elevate sanzioni al C.d.S. e controllati 14 soggetti sottoposti a misure restrittive e obblighi di polizia.

Inoltre, allo scopo di contrastare il dilagante fenomeno dell’evasione fiscale, è stata verificata la corretta emissione dello scontrino fiscale in numerosi esercizi commerciali e, in diversi casi, è stata riscontrata la vendita di merce senza che il commerciante abbia regolarmente emesso lo scontrino. A tal riguardo, ad ogni titolare, è stata elevata la sanzioni pecuniaria di euro 500 e, in caso di reiterazione, si procederà alla sospensione dell’attività commerciale; in un caso, è stata contestata anche l’installazione di un gazebo realizzato senza la prescritta autorizzazione comunale. Ancora, assume rilievo il controllo effettuato in un autolavaggio alla periferia nord di Catania e, nella circostanza, è stato accertato che detta attività scaricava illegalmente le acque reflue e i fanghi prodotti nel sottosuolo, quindi, senza depuratori né autorizzazione alcuna creando un danno ambientale anche nei terreni limitrofi oltre che nelle falde acquifere. Per questo motivo, il titolare è stato indagato in stato di libertà per il reato ambientale previsto dal D.L. 152/2006 e l’autolavaggio è stato sottoposto a sequestro penale preventivo penale.

Infine, in via della Consolazione, è stato indagato in stato di libertà un 47enne, il quale  ha chiuso illegalmente una traversa pubblica senza uscita, denominata Vico Malabranca e, a tal riguardo, è stato realizzato un cancello in ferro, di grande dimensione e con relativa serratura, ancorato sulle pareti esistenti lato strada in modo tale da rendere la via pubblica ad uso privato. Per tale motivo è stato aperto un procedimento penale a carico di ignoti per invasione di terreni pubblici/chiusura strada pubblica e realizzazione di opera edile abusiva. Pertanto, è stata data comunicazione agli organi competenti al fine di ripristinare lo stato dei luoghi.

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*