Serie C, il Catania di Andrea Sottil ospite nel primo pomeriggio della Viterbese

Viterbese-Catania

Il Catania di Andrea Sottil, reduce dal risicato successo interno sulla Paganese, oggi pomeriggio alle ore 14.30 (arbitro il signor Giacomo Camplone di Pescara), per la 28^ giornata del Girone C, è ospite dellla Viterbese. Al “Rocchi” primo incrocio stagionale per le due squadre, in attesa di recuperare la gara di andata che si disputerà il prossimo tre Aprile. Per gli etnei obiettivo vittoria contro una Viterbese scorbutica, ma con 1 punto nelle ultime due gare dopo 4 successi di fila.

Nella Viterbese mister Antonio Calabro dovrebbe affidarsi al 3-5-2. In avanti assenti Ngissah e Luppi, spazio a Polidori e Pacilli. In casa Catania il tecnico Andrea Sottil non avrà disponibili Ciancio, Llama, Di Grazia e Calapai. Aya dovrà adattarsi al ruolo di terzino destro, con uno fra Marchese ed Esposito impiegato al centro della difesa con Silvestri. In mediana probabile ballottaggio fra Rizzo e Biagianti, mentre in attacco, con Manneh e Marottao, Di Piazza dovrebbe essere preferito a Curiale.
Queste le probabili formazioni:

VITERBESE (3-5-2): Valentini; Atanasov, Rinaldi, Sini; De Giorgi, Baldassin, Damiani (Palermo), Cenciarelli, Mignanelli; Polidori, Pacilli. In panchina: Demba Thiam, Coda, Sparandeo, Palermo, Vandeputte, Milillo, Coppola, Zerbin, Polidori, Pacilli, Luppi, Artioli, Molinaro, Tsonev, Ngissah. All: Calabro.

CATANIA (4-3-3): Pisseri; Aya, Silvestri, Marchese (Esposito), Baraye; Rizzo (Biagianti), Lodi, Carriero; Manneh, Di Piazza, Marotta. In panchina: Pulidori, Lovric, Esposito, Valeau, Bucolo, Biagianti, Angiulli, Brodic, Liguori, Curiale. All: Sottil.

 

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*