Ortofrutta, Uva da Tavola dal Nord Africa. La Cia Sicilia Orientale lancia l’allarme: “Non accettiamo la concorrenza sleale da Paesi dell’UE, per i nostri produttori il danno è enorme”

“Chiediamo un intervento urgente e serio delle Istituzioni europee rivolto a chi non rispetta le regole e pratica concorrenza sleale. Non accettiamo all’interno dell’Unione Europea  la concorrenza scorretta  di Paesi  che commercializzano, attraverso una grandissima piattaforma logistica,  uva da tavola egiziana creando un danno enorme ai nostri produttori che sostengono costi decisamente superiori rispetto alle nazioni del Nord Africa”. 

Il presidente della Cia Sicilia Orientale, Giuseppe Di Silvestro  interviene sull’allarme lanciato nei giorni scorsi dalle organizzazioni di produttori  sui venti di crisi che soffiano sulla campagna dell’uva da tavola, chiedendo al Governo di tutelare la produzione italiana.

In Sicilia  il danno per il tessuto economico è ingente, ed in particolare nel territorio etneo sono tanti i produttori di uva da tavola associati al Consorzio di Tutela di Mazzarrone Igp, con 9000 ettari di produzione a marchio e al Consorzio Uva da tavola di Canicattì Igp che interessa anche alcuni comuni delle province di Agrigento e Caltanissetta.

Il presidente di Cia punta l’indice contro l’Olanda che nelle ultime settimane ha invaso il mercato europeo dell’uva da tavola con frutta proveniente dall’Egitto, venduta ad un prezzo decisamente inferiore rispetto a quella italiana grazie ai bassi costi di manodopera.

“Occorre un segnale forte per contrastare una pratica che crea danni alle aziende siciliane che devono fare reddito per poter far fronte agli alti costi di produzione– ribadisce Di Silvestro – Durante la pandemia la frutta siciliana, soprattutto gli agrumi, è stata apprezzata dai consumatori segno che la qualità è particolarmente alta. Adesso arriva la mazzata a tutto danno dei produttori”.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*