Indagato dalla Polizia per furto di beni del demanio marittimo, distruzione e deterioramento habitat protetto

Nella giornata di ieri, personale della Polizia di Stato, NIPAAF dei Carabinieri, del Corpo Forestale e della Vigilanza Riserve naturali, ha effettuato un controllo di Polizia mirato a preservare il sito protetto denominato Oasi del Simeto con particolare riferimento ai molteplici furti di sabbia dall’arenile del demanio marittimo che, come noto, determinano un danno ambientale, tra l’altro viene disturbata la fauna ivi protetta e lo svuotamento del litorale.

Nel corso delle operazioni, è stato notato un soggetto che abita all’interno del Villaggio Azzurro, nel pieno del citato sito protetto, giungere a ridosso dall’arenile a bordo di un autocarro (privo di assicurazione per responsabilità civile); dopo aver prelevato un cassone di 3 metri cubi di sabbia, con l’aiuto di un escavatore, dalla spiaggia di detto residence, ha provato a dileguarsi coprendo il cassone con un telo verde.

Una volta fermato e appreso dell’imminente sequestro penale del veicolo, poiché usato per rubare la sabbia di proprietà dello Stato, è andato in escandescenza nei confronti del personale, facendosi aiutare da altri soggetti del Villaggio Azzurro tra cui il guardiano che, tra l’altro, riferiva “che non c’era niente di male a svuotare l’arenile per portare la sabbia altrove”.

Ultimate le offese e la resistenza ai pubblici ufficiali presenti, l’autore dell’insano gesto, al fine di evitare che il carroattrezzi portasse via il suo autocarro, ha impugnato utensili di ferro, tra cui un martello e ha distrutto il camion che aveva in uso (di proprietà di un altro soggetto in quel momento assente) e ciò ha comportato che il citato carroattrezzi è andato via per farne arrivare un altro attrezzato per il trasporto del suindicato veicolo nel frattempo danneggiato.

Pertanto, l’autore del furto di sabbia è stato indagato in stato di libertà per i reati di furto aggravato di beni del demanio marittimo, distruzione e deterioramento habitat protetto, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale; nel contempo, gli è stato sequestrato penalmente l’autocarro, la sabbia è stata reimmessa da dove era stata prelevata e, ancora, gli verranno contestate le previste sanzioni del codice della strada; il guardiano del villaggio è stato indagato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*