Dal 18 maggio riparte con il cartellone “Evasioni”, l’attività dello “Stabile” di Catania, cinque spettacoli tra il “Verga” e il Palazzo della Cultura

Il cartellone "Evasioni"

Il Teatro Stabile di Catania riprende l’attività il 18 maggio, con il cartellone “Evasioni” che prevede cinque spettacoli: uno nella Sala Verga e quattro nella Corte Mariella Lo Giudice di Palazzo della Cultura, nel rispetto delle norme anti Covid.

“A cirimonia” con Enzo Vetrano e Stefano Randisi

Si ripartirà al “Verga” il 18 maggio – con Enzo Vetrano e Stefano Randisi – con “A Cirimonia” del drammaturgo palermitano Rosario Palazzolo, co-prodotto con il Teatro Biondo di Palermo e vincitore del Premio dell’Associazione nazionale dei critici italiani. Una pièce pungente che, con un gioco linguistico molto seducente e un meccanismo teatrale carico di tensione, fa scorgere una verità nascosta tra i frammenti di memoria dei due personaggi che agiscono sulla scena. ‘U masculu e ‘A fimmina sono pronti, hanno indossato il loro costume, assunto le identità che servono per celebrare una cerimonia: un compleanno, presumibilmente, con tanto di torta e candeline. Ma prima devono rievocare un fatto, rivivere un ricordo che appartiene a entrambi e che solo assieme potranno ricomporre. Si interrogano reciprocamente con crudeltà e paura e quando si illudono di aver capito, nel momento stesso in cui la verità balugina come un lampo accecante davanti agli occhi di tutti, allora il ricordo si azzera e la verità rimane un non detto.

“L’ultimo degli Alagona”

Le quattro produzioni del Teatro Stabile di Catania andranno in scena invece, fino alla fine di luglio, a Palazzo della Cultura: “L’ultimo degli Alagona” di Nino Martoglio, con la regia di Elio Gimbo e i Pupari della Marionettistica Fratelli Napoli, atto unico nell’adattamento di Nino Bellia e Alessandro Napoli (1921 – 2021: cento anni da una morte, quella tragica di Nino Martoglio e cento anni da una nascita, quella della storica Marionettistica Fratelli Napoli: due anniversari per ragioni diverse importanti per la memoria e la tradizione teatrale della città etnea): “La nuova colonia” di Luigi Pirandello, adattato e diretto da Simone Luglio, con un cast giovane che dovrà far vivere i temi dell’opera che vanno dall’isolamento all’emarginazione presenti anche nella nostra contemporaneità, in scena, tra gli altri, Dario Aita, volto di tante fiction tv ; dall’8 al 18 luglio l’inedito “Pinocchio” di Franco Scaldati, adattato e diretto da Livia Gionfrida con, tra gli altri Aurora Quattrocchi, Alessandra Fazzino, Manuela Ventura, Domenico Ciaramitaro, Cosimo Coltraro e Serena Barone e “La Pacchiona”, versione siciliana della divertente commedia “Fat Pig” di Neil LaBute, tradotta e diretta da Marcello Cotugno con con Paolo Mazzarelli, Federica Carruba Toscano, Chiara Gambino, Alessandro Lui.

Laura Sicignano (Ph. Antonio Parrinello)

Se abbiamo chiamato il nuovo cartellone ‘Evasioni’ – spiega la direttrice Laura Sicignano – è per dichiarare che il Teatro ci consente di ritrovarci finalmente in uno spazio fisico e simbolico diverso da quello in cui siamo stati costretti in questi mesi, liberando sguardo e le idee. Il teatro non esiste senza pubblico e, crediamo, non è civile una società senza teatro. Ritornare ad incontrarci dal vivo è la missione del nostro lavoro e speriamo di esservi mancati tanto quanto voi siete mancati a noi. Il Governo ha deciso di riaprire cinema e teatri il 26 aprile nelle zone gialle del Paese e noi riapriremo con la consapevolezza della responsabilità che ci compete: verso il pubblico, con cui abbiamo cercato di mantenere aperto un dialogo costante, attraverso il digitale, e verso i lavoratori, che abbiamo coinvolto nei lunghi mesi di chiusura, realizzando gli spettacoli che proporremo a partire dall’estate e quindi garantendo occupazione, come dimostra il fatto che abbiamo realizzato nel 2020 quasi 12mila giornate lavorative”.

“Oltre a questi spettacoli in questi mesi abbiamo lavorato – conclude la Sicignano – alla produzione di “Baccanti” che riprenderà presto la tornee e a quella di altri lavori ispirati proprio dal tempo presente come “Tornati a casa per tempo”, diretto da Nicola Alberto Orofino e “Una fuga in Egitto diretto da Turi Zinna che siamo pronti a portare in scena da settembre qundo annunceremo i dettagli della stagione 2021-2022 che abbiamo già messo a punto fino a maggio 2022”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*