Rapporto Sud Sole24Ore: Rifiuti, nel Mezzogiorno mancano 121 impianti

Città invasa dai rifiuti

Il numero del Rapporto Sud del Sole 24 Ore in edicola venerdì 28 maggio in Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna dedica l’inchiesta d’apertura al settore dei rifiutiAl Sud mancano 121 impianti di trattamento. Ce ne sono 155 censiti, ma non sono sufficienti. Lo rivela un’indagine del Conai, il consorzio nazionale per la raccolta degli imballaggi, che indaga sul fabbisogno regione per regione.

Il potenziamento del ciclo industriale è necessario – secondo il presidente del Conai, Luca Ruini – perché i rifiuti vanno smaltiti e riciclati vicino al luogo in cui sono raccolti. La carenza – spiega il Rapporto Sud del Sole 24 Ore – costringe le regioni a esportare. La Campania, a esempio, esporta il 66% della frazione organica, dispone di 16 impianti per il trattamento dei rifiuti. Ma gliene servirebbero altri 38. Dispone poi di un termovalorizzatore, quello di Acerra, gestito da A2A: sebbene in passato, ai tempi della grande emergenza ne fossero invocati altri cinque, oggi non se ne richiedono altri. In Siciliaai 21 impianti di compostaggio dovrebbero aggiungersene altri 9. Servirebbero poi 5 discariche di servizio. E soprattutto un termovalorizzatore. Alla Puglia, nonostante una dotazione di 34 strutture, si ritiene che manchino 22 fabbriche: 5 per il compostaggio, altrettante per il trattamento delle terre da spazzamento, quattro discariche di servizio. La Calabria ha una forza di 23 impianti ma per trovarsi pronta nel 2030 dovrà realizzarne altri 11 che potrebbero dar lavoro a 150 persone. La Basilicata ha oggi 9 impianti e ne dovrebbe realizzare altri 6. Infine, la Sardegna, una mosca bianca. Dispone di una rete di 32 impianti: sufficiente a trovare una destinazione ai rifiuti raccolti dai Comuni.

Ferrovie. Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza compare la linea ad alta velocità Salerno-Reggio Calabria. Il Rapporto Sud del Sole 24 Ore in edicola venerdì 28 maggio spiega che, a differenza delle prime ipotesi, la versione definitiva del piano punta a una linea ferroviaria che consentirà di viaggiare a 300 km orari. Con quest’opera il Sud sarà meno isolato. Ma un gruppo di professori delle università della Calabria e della Sicilia criticano il tracciato scelto.

Le città alla prova della rigenerazione urbanaTaranto ha progetti da realizzare e adesso ha anche una dote di oltre 300milioni. Sul prossimo numero del Rapporto Sud del Sole 24 Ore il piano del Comune che punta soprattutto su Borgo, città vecchia, Rione Tamburi e Paolo VI: le quattro aree su cui intervenire per cambiare il volto della città affinché non sia solo considerata sede dell’industria dell’acciaio, ma punti anche alla sostenibilità ambientale. Le leve finanziarie azionate sono diverse e vanno dai bandi nazionali del ministero delle Infrastrutture al Contratto istituzionale di sviluppo. Sono disponibili anche fondi regionali (Strategie integrate di sviluppo urbano sostenibile) e quelli delle delibere Cipe per Taranto.

Le aziende alle prese con la transizione ecologica. Il Rapporto Sud di venerdì 28 maggio racconta i casi della sarda Maffei silicati che si converte alla produzione di energia con un mega impianto fotovoltaico. E di Isotta Fraschini che, nell’ambito di un piano di rilancio, progetta un nuovo motore industriale a idrogeno.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*