“Art Fashion Show”, successo a Catania per l’evento tra arte, moda e cultura

“Un evento di eccezionale valenza che ha coniugato moda, arte, cultura, sostenibilità e al contempo ha messo in risalto la bellezza di un luogo unico come il Palazzo della Cultura. Siamo contenti che proprio l’Art Fashion Show abbia chiuso la stagione 2021 del Catania Summer Fest”.

Con queste parole il sindaco di Catania Salvo Pogliese ha salutato gli ospiti della prima edizione dell’Art Fashion Show che nello scorso weekend ha trasformato il Cortile Platamone in un grande palcoscenico di moda e arte. Un evento organizzato grazie al patrocinio della Regione Siciliana-Assessorato Sport, Turismo e Spettacolo, oltre che del Comune di Catania e della Città Metropolitana Etnea.

Il primo cittadino, salito sul palco insieme a Conci Gulino – ideatrice del progetto e presidente della Runway Communication – ha evidenziato come Catania abbia bisogno di eventi del genere per guardare sempre più in alto, iniziative che ricordano le fashion week milanesi o le sfilate parigine.

Ed è stata proprio questa l’ispirazione di Conci Gulino che è riuscita a portare a Catania artisti provenienti da tutto il mondo, creatori di bellezza e arte che traggono dalla vita di tutti i giorni, dalla terra di origine, dai viaggi e dall’ambiente l’ispirazione per creare opere che lasciano a bocca aperta, che aiutano a riflettere e che spingono chi le ammira a compiere un viaggio sensoriale ed emozionale davvero unico.

Gli artisti presenti sono stati: Anna Bonafede per Borbone, Pietro Paradiso, Olga Iriépar García per A Pompidou, Roja Afroza per Lorato, Roberta Celano, Maria Giovanna Costa, Fabio Teriaca, Linda Schipani, Melchiorre Napolitano, Gerry Errico per Hagios, Dario Loris per Cerfolly Academy, Cecilia Blanciforti della TMB Academy; ad accompagnare artisti e ospiti i 2 mori della compagnia Curiosi Incanti.

Più di 30 le modelle e i modelli, provenienti da varie parti d’Italia, che hanno sfilato, modelli selezionati dalla Runway Communication Model Academy

Un parterre variegato quello presente sabato sera durante il vernissage: abito elegante, come Milano e Parigi insegnano, per gli ospiti. Da esperti del settore a giornalisti specializzati nella moda e nel glamour, da artisti del panorama musicale come Antonio Macrì (del duo “Violinisti in Jeans”) ad avvocati, giudici, professionisti del mondo assicurativo, coreografi, fashion designer, modelli e fashion stylist, Influencer. E poi ancora autorità provenienti da varie parti d’Italia e non solo. A sedere tra le prime file, tra gli altri, anche il Presidente di Confeuropa Imprese Giuseppe Alizzio, il Vice Presidente Conferuropa Africa e il Console Onorario dell’ Azerbaigian Domenico Coco.

Tanti anche i riconoscimenti che la Runway Communication, durante la serata condotta da Andrea Schillirò e Sarah Donzuso, ha voluto consegnare: da ballerini a cantanti a pittori. Oltre che agli stessi stilisti. Direttore di produzione Aurelio Puglisi.

La serata sarà trasmessa tra qualche giorno su Video Mediterraneo.

Si è proseguito domenica 17 ottobre con l’esposizione delle opere d’arte, con lo shooting fotografico e il body painting dal vivo: i meravigliosi scatti fotografici – realizzati da Dario Azzaro – verranno raccolti in un volume che racconterà questo evento, l’Agenda 2022, un vero e proprio reportage iconografico e biografico degli artisti nazionali e internazionali presenti e la carta utilizzata per la stampa deriverà tutta da materiale di riciclo, certificata FSC.

E a proposito di ambiente e sostenibilità, molto apprezzato il “green carpet” diventato il luogo ideale per selfie, foto di gruppo, momento di incontro e scambio di opinioni, interviste e riflessioni.

“Come ho affermato all’inizio di questa avventura – dice Conci Gulino – ci tenevo che questo evento potesse unire a Catania l’arte e la moda provenire da tutto il mondo ma anche esaltare l’importanza del rispetto ambientale perché proprio l’ambiente offre spunti e materiali che prendono nuova vita per essere consegnati per sempre agli occhi del bello. Una sorta di rivoluzione copernicana del Bello, così come insegnò Hegel: dobbiamo abituarci a vedere il bello che è nella individualità di ognuno di noi. E oggi penso di poter affermare che ci siamo riusciti. Anche grazie al Comune di Catania che ha creduto in questo progetto e ci ha permesso di far conoscere questa meravigliosa location ai nostri artisti ma anche ai tanti ospiti internazionali. Grazie anche agli sponsor che ci hanno permesso che questo sogno diventasse realtà: in particolar modo grazie a Cantine Nicosia e Mickey Caffè che ha creato un biscotto al caffè dedicato proprio all’evento”, conclude Conci Gulino.

Che da l’appuntamento per l’anno prossimo, per una scoppiettante seconda edizione.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*