Serie A2, la Copral Muri Antichi cede in casa 10-12 contro il Tuscolano

Prima sconfitta casalinga stagionale per la Copral Muri Antichi che continua il suo momento altalenante cedendo senza mai realmente incidere contro un Tuscolano che ha meritato la vittoria. Una sconfitta pesante per i ragazzi di Kovacic che pagano un brutto approccio alla gara. Rispetto ad una settimana fa, dove i Muri sono riusciti a ribaltare nel finale lo svantaggio contro Acquachiara, stavolta la rimonta non è avvenuta. La Copral resta così a secco di punti con il 10-12 finale che condanna i Muri ad un brusco stop in ottica play-off.

LA PARTITA

I laziali scendo in vasca con la mentalità giusta e pronti via è subito 3-0 per gli ospiti  con Botto e Cianchetti lasciato solo sul 2-0. Il primo gol Copral lo realizza Scebba su azione personale. C’è ancora tempo per la rete del 4-1 con Graziosi, preciso con un bel pallonetto. Nel secondo parziale in apertura ancora lanciatissimo Scebba accorcia per i Muri Antichi e Camilleri con l’uomo in più riduce il gap. Zovko procura un rigore che ancora Camilleri realizza. Il pari arriva sempre con un ispirato Camilleri su assist di Marangolo (5-5). Sembrerebbe il momento della svolta in casa Muri, ma dopo la rete di Marangolo del 7 pari nel terzo parziale improvvisamente qualcosa si inceppa. Gli ospiti riescono di contro a trovare con continuità la via del gol grazie a Botto spalle alla porta Kerr e Serio. Sarebbe servito solo un po’ più di cinismo come contro l’Acquchiara, ma stavolta l’attacco Muri Antichi non ha girato. Dal -2 al -4 con due gol di Kerr e partita in ghiaccio per gli uomini di Neroni. Muscuso ne fa due nel finale ma solo per rendere meno amaro il punteggio.

LE INTERVISTE

“Il Tuscolano sin dal primo momento ha dimostrato molta più voglia di noi – ammette Spinnicchia voglio fare i complimenti ai ragazzi di Marco Neroni che hanno strameritato questa vittoria. È chiaro che con questa sconfitta rischiamo di vanificare ciò che abbiamo fatto fino ad ora. Il lavoro che produciamo durante la settimana non riesce a risolvere le situazioni di gioco e non riesce ad avere consistenza. Nelle ultime gare siamo troppo spenti, un certo numero di giocatori al momento ha una resa bassa. Mi aspetto che allenatore e staff possano presto individuare le soluzioni per cambiare rotta, altrimenti sarà difficile perseguire gli obiettivi prefissati”.

“Nella sconfitta di oggi è mancato il sacrificio verso il compagno – dichiara Cassone oggi in panchina al posto di Kovacic squalificato – stiamo subendo tanti gol e in attacco siamo impacciati. Con la mente sgombra potevamo sicuramente rivedere qualcosa in corso d’opera. L’approccio è fondamentale e inseguire per tutta la gara è complicato, a Napoli ci è andata bene stavolta purtroppo no. In settimana cercheremo di rivedere gli aspetti da migliorare, mentali e tecnici. Non ci buttiamo giù, il campionato è lungo e non vogliamo vanificare tutto quello che di buono abbiamo costruito”.

COPRAL MURI ANTICHI-SC TUSCOLANO PALLANUOTO 10-12

COPRAL MURI ANTICHI: G. Spampinato, A. Scebba 2, V. Nicolosi, D. Zovko, P. Impellizzeri, M. Marangolo 1, S. Camilleri 5, S. Longo, A. Nifosì, V. Belfiore, L. Muscuso 2, A. Schilirò, P. Lazzara. All. Cassone.

SC TUSCOLANO PALLANUOTO: A. Giannotti, G. Serio 1, L. De Santis, M. Giangiacomo, M. Graziosi 2, D. Kerr 3, G. Cianchetti 3, M. Figoli, M. Iula, L. Sacco, S. Botto 3, F. Carrozza, C. Taraddei. All. Neroni.

Arbitri: Calabrò e Ialeggio.

Note. Parziali: 1-4, 4-2, 3-4, 2-2. Usciti per limite di falli: Graziosi (T), Marangolo (M) e Botto (M) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Muri Antichi 5/15 + 1 rigore, 5/11. Spettatori: 100.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*