Dal 17 settembre al 15 ottobre, per “Palcoscenico Catania”, dodici appuntamenti in periferia per “Terre forti”, Centro Magma e Il Tamburo di Aci

Sono 12 gli appuntamenti di spettacolo, workshop e laboratori, nell’ambito del progetto “Palcoscenico Catania. La bellezza senza confini”, promosso dalla Direzione Comunale Cultura, che vedono impegnati come tante altre realtà associative locali l’associazione culturale Terre forti di Alfio Guzzetta, il Centro teatrale e culturale Magma di Salvo Nicotra e l’associazione culturale Il Tamburo di Aci. Il progetto “Palcoscenico Catania. La bellezza senza confini”, finanziato dal Ministero della Cultura, prevede eventi di teatro, musica, arte, workshop e laboratori sociali nei quartieri periferici della città e in realtà sprovviste o carenti di servizi al cittadino e aree aggregative, per creare possibilità di incontro ai confini dell’area urbana di Catania, con il coinvolgimento dei cittadini che vi risiedono. La programmazione degli eventi live è prevista nel periodo compreso tra il 15 giugno e il 15 ottobre e dall’1 al 31 dicembre 2022.

Duo chitarra e flauto dei maestri Pidone e Finocchiaro

Il Centro Magma di Salvo Nicotra sarà impegnato il 17 settembre, alle ore 20, nel quartiere di Librino, al Campo San Teodoro Liberato, nella sede dell’associazione i Briganti, con il concerto del duo chitarra e flauto dei maestri Salvatore Daniele Pidone e Mario Finocchiaro che poi replicheranno il 4 ottobre, alle 20, in piazza Caduti del mare, nella parrocchia Beata Vergine Maria in Cielo Assunta. Sempre il Centro Magma proporrà poi sempre nell’associazione i Briganti, a Librino, l’1 ottobre, alle 17.30 un laboratorio teatrale e poi, alle 20, lo spettacolo “Cunti di terra, di mari, di lotta e d’amuri” di Giada Salerno, con Giada Salerno e Alfio Guzzetta. Laboratorio e spettacolo verranno poi replicati il 2 ottobre nella parrocchia San Michele Arcangelo, in via Sebastiano Catania, a San Nullo.

Una scena di “Peppe Nappa, le farse”

L’associazione Terre forti di Alfio Guzzetta il 24 settembre alle ore 20, riprenderà nella parrocchia San Michele Arcangelo in via Sebastiano Catania, a San Nullo, lo spettacolo “Peppe Nappa, le farse” di Alfredo Danese che poi verrà riproposto  l’8 ed il 15 ottobre, alle 20, rispettivamente nell’associazione i Briganti, a Librino e per l’associazione AUSER.

Infine, sempre per “Palcoscenico Catania”, l’associazione Il Tamburo di Aci il 23 settembre proporrà, alle 18, in piazza Caduti del mare, nella parrocchia Beata Vergine Maria in Cielo Assunta, il workshop “Gli strumenti della tradizione popolare: tamburello, marranzano, friscaletto e zampogna a paru” ed alle 20 il concerto “Di Folk in folk” con “I Beddi”, musicanti di Sicilia. I due appuntamenti, workshop e concerto, verranno riproposti il 14 ottobre nell’associazione i Briganti, a Librino, al Campo San Teodoro Liberato.

Il polistrumentista Giampiero Amato

Il 25 settembre alle 18, nella parrocchia San Michele Arcangelo, in via Sebastiano Catania, a San Nullo, Il Tamburo di Aci proporrà il workshop “Mastru tempu, viaggio nelle tradizioni musicali siciliane” di e con il cantautore polistrumentista Giampiero Amato ed il 15 ottobre, infine, nell’Istituto comprensivo Angelo Musco, nel quartiere Zia Lisa, alle ore 10, workshop “Gli strumenti della tradizione popolare: tamburello, marranzano, friscaletto e zampogna a paru” ed alle 11 concerto “Sintiti pirchì c’è di sentiri” di e con Il Tamburo di Aci.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*