Emesso dal Questore etneo primo D.A.Spo. sportivo aggravato del torneo di serie D-girone I

Lo stadio Massimino

In riferimento al 28enne Ultras catanese denunciato a seguito del lancio del fumogeno durante l’incontro di calcio CATANIA – CASTROVILLARI, disputatosi alle ore 15.00 dello scorso 9 ottobre, nello stadio Angelo Massimino di Catania, il Questore di Catania, lo scorso 13 ottobre, ha emesso la misura di prevenzione del D.A.Spo. di cui alla Legge n. 401/89 e successive modifiche.

Dall’attività istruttoria esperita dalla Divisione Anticrimine è emerso che il predetto risultava già destinatario di altri due D.A.Spo., di cui uno emesso dall’Autorità Giudiziaria; secondo la normativa vigente, che ha inasprito la durata e le prescrizioni dei DASPO per i soggetti recidivi, il Questore di Catania ha quindi emesso un DASPO per la durata di anni 5 applicando anche la prescrizione aggiuntiva di presentarsi presso l’Ufficio di P.S. o Comando Arma dei Carabinieri, competente rispetto alla residenza, in concomitanza con la partita disputata dal Catania Calcio.

Il citato provvedimento, in data odierna, è stato convalidato dal G.I.P. del Tribunale di Catania. L’Ultras, attraverso la visione delle immagini del sistema di video-sorveglianza dello stadio Massimino, è stato individuato ed identificato da personale della DIGOS di Catania mentre lanciava, dall’anello inferiore della curva sud, un fumogeno e, subito dopo, tentava di travisarsi con il gruppo di altri ultras presenti sugli spalti.

Il fumogeno finiva sulla pista di atletica causando un concreto pericolo per gli spettatori presenti sugli spalti nonché per il personale in servizio nella pista. Per tali fatti veniva segnalato all’Autorità Giudiziaria per lancio di materiale pericoloso e altro.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*