I controlli delle Forze dell’ordine, nel fine settimana, dei locali della movida catanese

Controlli Movida

Le cronaca delle ultime settimane ha riproposto all’attenzione dell’opinione pubblica il fenomeno della movida nel centro storico catanese caratterizzato dalla presenza di numerosi giovani di diverse fasce d’età che affollano i locali con problemi per la sicurezza urbana.

Pertanto, nelle serate appena trascorse, in attuazione delle direttive emanate in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi in Prefettura, il Questore di Catania ha disposto complessi ed articolati controlli nelle vie del centro storico, affidati ad equipaggi delle varie articolazioni della Questura, affiancati da personale della Polizia Scientifica, della Polizia Amministrativa e della Polizia Locale.

Il lavoro degli specialisti della Squadra della Polizia Amministrativa ha permesso di controllare 5 esercizi pubblici dislocati nelle aree di via Teatro Massimo, via Sangiuliano, via Coppola, via Vasta, via Etnea e zone limitrofe sanzionandone tre per ampliamento abusivo di suolo pubblico.

Per gli altri due esercizi pubblici oggetto di controllo, si sono resi necessari ulteriori approfondimenti e l’esame dei documenti di cui il titolare era sprovvisto e che dovrà produrre in visione nella giornata di domani negli uffici della Polizia Amministrativa. Per uno degli esercizi, inoltre, saranno approfondite alcuni aspetti di natura igienico-sanitaria emersi nel corso dei controlli eseguiti nelle cucine.

In relazione a quanto già accettato ed quanto potrebbe emergere all’esito di approfonditi accertamenti che saranno svolti nei giorni a venire sulle altre risultanze emerse nel corso dei controlli eseguiti nella serata di ieri, è al vaglio degli uffici della Polizia Amministrativa l’adozione di ulteriori provvedimenti sanzionatori sui locali controllati. Nel corso dei controlli sono state identificate e controllate complessivamente 65 persone e 22 veicoli e contestate diverse violazioni del Codice della Strada.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*