Perquisizioni e sequestri della Polizia Postale nei confronti di due soggetti dediti alla illecita trasmissione di contenuti audiovisivi ad accesso condizionato

Polizia Postale

Su disposizione della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, personale della Polizia di Stato ha eseguito alcune perquisizioni emesse nei confronti di due soggetti ritenuti dediti alla commissione di attività delittuose in materia di illecita trasmissione di contenuti audiovisivi ad accesso condizionato.

In particolare, i due soggetti di interesse investigativo, di anni 35 e 44 anni, residenti rispettivamente a Frosinone e Napoli, gestivano in concorso il sito socceron.name uno degli spazi virtuali più conosciuti che, in live streaming, trasmetteva tutti gli eventi sportivi ad accesso condizionato nonché, attraverso un apposito canale Telegram, vendevano abbonamenti IPTV alle più note piattaforme, quali Netflix, NowTv e Dazn, ricevendone i relativi proventi, tramite false donazioni Paypal al fine di eluderne il tracciamento e le relative investigazioni.

Le indagini svolte dal Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica di Catania, con il coordinamento del Servizio della Polizia Postale e delle Comunicazioni, consentivano di individuare i soggetti di interesse investigativo nei confronti dei quali l’autorità giudiziaria disponeva immediate perquisizioni locali, personali e informatiche il cui esito ha dato ampia prova del loro coinvolgimento nell’attività delittuosa per come ipotizzata.

Il personale della Polizia Postale ha, infatti, sequestrato ed inibito l’accesso sia al sito utilizzato per la trasmissione che il canale Telegram, interrompendo così l’attività criminosa. Inoltre, sono stati posti sotto sequestro, oltre a diversi dispositivi elettronici, numerosi account mail strumentali alla commissione dei delitti, i pannelli reseller di IPTV, diverse carte di credito e 5.000,00 € su un conto Paypal riconducibile agli autori. È stata, altresì, elevata agli amministratori del sito la sanzione amministrativa di € 54.000,00.

Le perquisizioni ed i sequestri sono stati eseguiti dal personale dei Centri operativi Sicurezza Cibernetica di Catania e Napoli e dalla Sezione Operativa di Frosinone.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*