Videogiochi storici, ecco qualche esempio…

Tetris, uno dei giochi più riconosciuti

Sicuramente in questi ultimi anni un settore che si è espanso parecchio, e ne abbiamo già parlato nella rubrica apposita, è stato quello relativo al gaming in tutte le sue forme. Dalle macchinette online fino ai videogiochi più moderni, gli utenti hanno dunque potuto svagarsi comodamente in rete affrontando altri giocatori provenienti da tutte le parti del mondo.

Ma ovviamente non è sempre stato così visto che c’è stato un tempo in cui Internet era ancora un sogno lontano per i cittadini. Ai tempi per giocare si doveva avere una console e/o un computer, oppure bisognava recarsi direttamente in sala giochi (oramai quasi del tutto scomparse).

Al giorno d’oggi tutto questo si può fare direttamente da casa propria, se non in mobilità grazie a smartphone e tablet, ma proviamo a fare un piccolo salto indietro nel tempo e a ricordare assieme qualche videogioco storico.

Tetris

Creato nel 1984 dal programmatore russo Aleksej Leonidovič Pažitnov, Tetris è uno dei giochi più riconosciuti a livello globale. Pur non avendo una storia vera e propria, continua imperterrito ancora oggi con innumerevoli versioni e varianti. Logica e ragionamento sono dunque i protagonisti, assieme alle forme geometriche colorate da disporre a seconda dell’intuizione del giocatore.

Space Invaders

Ci troviamo nel Giappone di fine anni Settanta quando Tomohiro Nishikado inventa quello che sarà un vero e proprio tormentone nel campo dei videogiochi. Gli alieni arrivano dunque sulla Terra, per la gioia di tutti gli appassionati di fantascienza, ma sarà compito del giocatore comandare il mezzo e fare fuoco contro le astronavi degli agguerriti Space Invaders.

Pac – Man

Ideato da un ispiratissimo Tōru Iwatani nel 1980, leggenda vuole che gli venne in mente vedendo una pizza alla quale mancava una fetta. Pac – Man ha rappresentato una vera e propria rivoluzione per quei tempi. C’era dunque una storia e persino un’animazione iniziale, ma soprattutto fu uno dei maggiori successi di sempre che vive ancora oggi in 3D.

The Secret of Monkey Island

Il nome di Ron Gilbert è tornato di recente in auge visto che si è occupato della stesura del nuovo capitolo di questa famosa serie di avventure grafiche, Return to Monkey Island, ma è indubbio che il primo capitolo del 1990 sia quello a cui i fan sono più affezionati. The Secret of Monkey Island vede dunque il giovane Guybrush Threepwood intento a diventare un “temibile pirata”, ce la farà?

Super Mario Bros

Donkey Kong

La famosa scimmia di casa Nintendo, creata da Shigeru Miyamoto (che è l’ideatore anche di The Legend of Zelda e di Super Mario), non è stata esattamente buona fin dall’inizio. Infatti qui è l’antagonista che ha rapito Pauline e l’ha messa in cima a un palazzo. La versione primordiale di Mario dunque, tale Jumpman, dovrà cercare di salvarla evitando gli ostacoli in questo storico cabinato classe 1981.

Super Mario Bros

Dato che abbiamo citato Miyamoto giusto un momento fa, è impossibile non parlare di un’altra delle icone più conosciute e celebrate in tutto il mondo da grandi e piccini. Super Mario è infatti il simbolo per eccellenza del videogioco la cui saga è partita nel 1985 con l’intramontabile Super Mario Bros.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*