“Pomeriggi Musicali a Gravina”, si parte il 6 Ottobre con il “Pietro Calvagna Trio”, dieci concerti tra classico e contemporaneo a cura del Centro Magma

Pomeriggi Musicali a Gravina

Tornano da domenica 6 Ottobre i “Pomeriggi Musicali a Gravina”, gli attesi appuntamenti coordinati artisticamente dalla pianista Tania Cardillo, apprezzata musicista di formazione classica ma da sempre indirizzata verso la contemporaneità ed inseriti all’interno della stagione concertistica “Fuorischema” 2019-2020 dello storico Centro culturale e teatrale Magma, diretto da Salvo Nicotra.

Tania Cardillo e Salvo Nicotra

Anche quest’anno i dieci concerti, da Ottobre a Giugno, si svolgeranno alla Sala delle Arti “Emilio Greco” di Gravina di Catania (Parco Comunale, via Roma 27) patrocinati dall’Amministrazione comunale. Collaborano all’iniziativa le associazioni “Darshan” e “Terre Forti”.

Primo appuntamento domenica 6 ottobre 2019, alle ore 18, 30, con il Jazz Manouche del “Pietro Calvagna Trio” (Sebastian Scuderi alla chitarra, Rosario Tomarchio al contrabbasso e il polistrumentista Pietro Calvagna) con la partecipazione del clarinettista Salvatore Assenza.

Pietro Calvagna

Ricordiamo che il Jazz Manouche (o Gipsy Jazz) nacque nella Francia degli anni Trenta dalla straordinaria esperienza del chitarrista Django Reinhardt che mescolò l’antica tradizione zingara allo swing americano di quegli anni, segnando indelebilmente la storia della musica e della Francia.

Così come l’anno scorso anche in questa stagione il primo appuntamento dei “Pomeriggi” è dedicato a questo genere dove si esprime pienamente la condivisione del percorso artistico di Reinhardt da parte di Pietro Calvagna, artista siciliano che arricchisce così la propria espressione personale. Nel suo cammino di ricerca Calvagna, affascinato sia dall’improvvisazione sia dalle melodie proprie della tradizione europea e mediterranea, ha raggiunto nella musica di Django un sommo punto d’incontro.

La parte filologica, dedicata a una selezione del repertorio, espressione della poetica di Django – con la musica dei Sinti, etnia di appartenenza – è accompagnata da un’esplorazione tutt’intorno, in cui sono sottolineate le originali evoluzioni che il genere  ha avuto nei decenni. È possibile ascoltare qualche musica da “barberia siciliana” e composizioni originali, che hanno molto in comune con lo swing degli anni Trenta.

Il cartellone della rassegna

Dopo il concerto d’apertura la ricca rassegna proseguirà sabato 9 novembre, alle ore 18.30, con il recital pianistico di Dario Candela, il 15 dicembre con il duo Andrea Verzì e Federica Reale (flauto traverso e pianoforte), il 5 gennaio con il recital pianistico di Gabriele Tomasello, il 26 gennaio con il Quintetto Zemlinski (Nunziatina De Francesco – flauto, Angelo Palmeri-oboe, Lorenzo Giuseppe Lima – clarinetto, Antonio Anfuso- corno, Patrizia Pane – fagotto).

In programma poi il 15 febbraio “Emotion piano duo” (Lea Yoanna Adam e Denis Ivanov) duo pianoforte a quattro mani, l’8 marzo il recital pianistico “Excellence International Tour 2020” con Maurizio Mastrini, il 5 aprile il “Fenìlya Trio” (Manuela Caserta – violino, Alfredo Borzì-violoncello e Tania Cardillo-pianoforte). Ultimi due appuntamenti il 3 maggio con il recital pianistico di Anna Calabretta ed il 7 giugno con il Duo Orlando e Stefania Cafaro (violino e pianoforte).

L’abbonamento per l’intera stagione è di Euro 50 intero, euro 40 per i residenti del comune di Gravina, mentre il biglietto per il singolo concerto è di euro 7,00 (ridotto, euro 5,00). Per informazioni e prenotazioni: 095.444312 – 3471896054 – 3333337848 – mail@centromagma.it. L’attività del Centro Magma è svolta sotto gli auspici della Regione Siciliana (Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo).

Il Centro Magma, ricordiamo, che è nato nel 1981 e da allora svolge ininterrottamente la propria attività istituzionale, caratterizzata dalla preminenza di obiettivi contenutistici rispetto a scopi commerciali. La sala Magma, in via Adua 3 a Catania, possiamo affermare che è l’ultimo spazio “underground” sopravvissuto, pur tra infinite difficoltà che ne rendono precaria l’esistenza, tra gli innumerevoli nati a Catania negli anni Settanta. La sala è sede permanente di stagioni teatrali, concertistiche, laboratori ed eventi legati alla letteratura (soprattutto alla poesia). Dà, inoltre, ospitalità ad eventi realizzati da terzi e collabora con altre analoghe realtà del territorio. Oltre al direttore Salvo Nicotra, nell’ultimo decennio hanno collaborato Marzia Longo, Marco Longo, Alfio Guzzetta, Salvatore Daniele Pidone, Orazio Indelicato, Roman H. Clarke, Antonio Caruso.

Oltre che organizzare e promuovere i “Pomeriggi Musicali a Gravina”, all’interno della stagione “Fuorischema” ed altri concerti d’estate e nel periodo natalizio, il Centro Magma per la stagione 2019-2020 sta lavorando, nello spazio esclusivo della Sala Magma, ad un evento da dedicare al musicista Francesco Prinzivalli (scomparso l’anno scorso ed autore, tra l’altro, di varie colonne sonore per spettacoli teatrali del Centro) e – tra “riprese” e “novità”- anche ad una rassegna teatrale sul “disagio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*