Emergenza Coronarirus, Cooperativa Prospettiva: “Nuove iniziative per sostenere bambini e ragazzi in difficoltà”

Per i bambini e i ragazzi della città e per i minori stranieri non accompagnati che vivono in comunità l’emergenza Covid-19 rende la quotidianità ancora più complicata. Cooperativa Prospettiva che da 30 anni lavora sul territorio etneo al servizio dei minori più deboli prosegue senza sosta la gestione delle comunità alloggio per i minori, delle strutture di seconda accoglienza e dei gruppi appartamento per giovani adulti, all’interno dei quali sono state attivate tutte le forme consentite di supporto psicologico e di accompagnamento educativo volte a sostenere i ragazzi in un processo, non facile, di adattamento.

“Si susseguono in questi giorni molte attività artistiche e creative utili a far trascorrere il tempo in serenità – afferma Glauco Lamartina, presidente di Cooperativa Prospettiva – e ad alimentare il senso di sicurezza di tutti i ragazzi. Questo supporto risulta ancor più rilevante per i minori stranieri non accompagnati, per la mancanza di una rete familiare, e per la conseguente necessità di affidarsi ad un adulto capace di riconoscerne i bisogni, prendendosi cura delle fragilità di ciascuno”.

Lo sguardo di Prospettiva si rivolge anche all’esterno: ai tanti ragazzi che seguiti nell’ambito dei servizi territoriali e semi-residenziali che rischiano di ritrovarsi privi di validi riferimenti educativi. Per fornire informazioni corrette ed evitare di alimentare la paura attraverso fake news Cooperativa Prospettiva ha istituito:  

  • un servizio di supporto psicologico, attivo 8 ore al giorno, attraverso un numero dedicato
  • un costante contatto telefonico con i ragazzi seguiti dal centro di aggregazione giovanile “Il Crogiolo” per non disperdere il senso delle attività educative e a ridurre le distanze
  • un sostegno ai minori seguiti nell’ambito dei servizi di educativa domiciliare e alle loro famiglie, al fine di incoraggiarli, sostenerli e motivarli
  • un supporto allo studio attraverso la messa a disposizione di tablet che consentiranno ai ragazzi in maggiore difficoltà di accedere ai corsi e alle lezioni di formazione a distanza.

“Garantiamo e ribadiamo il nostro impegno – conclude il presidente Lamartina –  nella ricerca di soluzioni attente ai bisogni dei più fragili offrendo tutte le risorse della nostra organizzazione e mettendole al servizio della collettività, nella costante ricerca di nuove forme di vicinanza ai minori e alle loro famiglie”.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*