“Il Gran Ballo del Gattopardo” per celebrare il capolavoro di Luchino Visconti

Il Gran Ballo del Gattopardo

Più di cento ospiti hanno celebrato il “Gattopardo” – grazie al “Gran Ballo” organizzato dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca – danzando sulle note delle musiche originali del capolavoro cinematografico di Luchino Visconti. Un evento – quello che si è svolto lo scorso 19 marzo – giunto alla ventiduesima edizione grazie ai consensi ottenuti in giro per il mondo. “Le nostre rievocazioni – ha commentato Nino Graziano Luca – riportano in vita un’epoca in cui le élite ottocentesche si incontravano a Parigi, Londra, Vienna, San Pietroburgo ma anche a Palermo, decidendo, spesso durante eventi mondani, i destini politici e sociali di un Paese.

Anche l’opera letteraria di Giuseppe Tomasi di Lampedusa rimane una testimonianza della Sicilia di cui andare fieri – ha continuato – al di là delle valutazioni storiche, stiamo parlando di un periodo in cui la nostra terra visse un momento prestigioso. Con i nostri eventi cerchiamo di aggregare culturalmente i partecipanti provenienti da alcune Capitali europee, da molte città italiane ed ovviamente dalla Sicilia, nella quale ho scelto Carla Favata come ambasciatrice della Compagnia Nazionale di Danza Storica Harmonia Suave che, come sempre, sta facendo un eccellente lavoro unitamente ai nostri consoli e collaboratori delle città di Palermo, Catania, Siracusa, Mazara, Licata e Campobello”.

Costumi rigorosamente d’epoca per il valzer “brillante” di Giuseppe Verdi, il valzer del “commiato”, la polka, la contraddanza e la quadriglia, eseguite con maestria grazie alle coreografie di Nino Graziano Luca e frutto di attente ricerche filologiche. Tutto è stato curato nei minimi dettagli per l’evento che ha fatto ripercorrere le tappe e le atmosfere vissute da Don Fabrizio, Angelica e Tancredi, protagonisti del celebre romanzo. “Ogni momento del Gran Ballo è stato vissuto intensamente dai partecipanti, anche con i momenti dedicati alla lettura dei passi più significativi del libro. Abbiamo destato interesse e ammirazione anche tra i tanti ospiti stranieri che hanno assistito alla manifestazione, registrando grande interesse da parte della stampa e dei media in genere – ha concluso – segno che la Compagnia Nazionale di Danza Storica ha seguito la giusta direzione per valorizzare la storia e la cultura”.

Il prossimo evento sarà il Gran Ballo di Primavera organizzato il 2 aprile nella Gran Sala Borromini del Donna Savelli Hotel a Roma, edificio realizzato da Francesco Borromini nella metà del Seicento, cioè nel momento in cui l’architetto raggiunse l’apice del proprio successo professionale.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*