Vini, gli autoctoni siciliani in trasferta a Barolo sul palco agrirock di “Collisioni”

ViniI vini siciliani saranno protagonisti dell’ ottava edizione  di “Collisioni”,  il festival  agrirock, dedicato  alla musica,  alla letteratura, ma anche  ai vini e all’agroalimentare che si svolgerà a Barolo (CN) dal 15 al 18 luglio.

La Regione Siciliana sarà per la prima volta tra gli ospiti ufficiali del festival per promuovere i suoi vini autoctoni  nella tre giorni piemontese. Personalità del mondo della cultura e dello spettacolo si alterneranno in un mix di eventi tra musica, colori e sapori per sostenere le eccellenze dell’agroalimentare italiano.

Antonello Cracolici
Antonello Cracolici

“ Il  2016 è stato l’anno che ha consacrato  il successo del vino siciliano nel mondo”, afferma Antonello Cracolici, assessore regionale all’Agricoltura della SiciliaUn risultato che ha ridato orgoglio ai nostri  produttori.  La partecipazione della Regione Siciliana ad un evento di importanza internazionale come “Collisioni” punta a consolidare questa  affermazione. Il successo del vino siciliano è un successo ‘giovane’, ma ci sono ancora grandi margini di crescita e di sviluppo delle nostre piene potenzialità: per strutturare questo successo i nostri produttori  devono  puntare  sempre di più su qualità e innovazione.

 Il numero di bottiglie prodotte all’interno dei sistemi di qualità della Doc Sicilia è raddoppiato in due anni, mentre per ciò che riguarda DOP e IGP abbiamo registrato una crescita dell’8%.

 La  Sicilia sta vivendo anche  un boom dell’enoturismo e dei i flussi di presenze nelle sue cantine, immerse in paesaggi straordinari che rendono la nostra isola un immenso giacimento di biodiversità che si accompagna alla bellezza dei luoghi – conclude Cracolici. C’è una  crescita globale della domanda di qualità e sicurezza alimentare  che le nostre aziende  devono imparare a soddisfare al meglio, puntando sul brand  ‘Sicilia’:  la Sicilia come isola dei sapori e della bellezza, come terra del cibo di qualità, della cultura, della natura e dell’accoglienza.”

 

Saranno 3 gli eventi dedicati al vino siciliano:

Sabato 16  luglio dalle 20:00 alle 21:30,  “Eccellenze siciliane e piemontesi a confronto”.

  Una panoramica sui prodotti tipici  di Sicilia e Piemonte con degustazioni ed intrattenimento.

Sul palco “wine and food” del festival, dove i ragazzi del progetto giovani (videomaker, fotografi, fumettisti, animatori) si confronteranno con il pubblico alla scoperta dei grandi vini e prodotti agricoli regionali, l’attore Fabrizio Pagella condurrà l’incontro a cui parteciperanno l’assessore regionale all’Agricoltura della Regione Sicilia, Antonello Cracolici, l’Assessore al Turismo e alla Cultura del Piemonte, Antonella Parigi e il Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, Giacomo D’Arrigo. I tre si confronteranno sui temi dell’enotursimo e del turismo gastronomico, ma anche sulla necessità di inventare nuovi linguaggi strategici per promuovere e raccontare i territori agricoli e le loro tradizioni. La tematica verrà approfondita da interventi di esperti del settore: Gianni Giardina, enologo dell’Irvos (Istituto Regionale Vini ed Oli di Sicilia) per i vini siciliani, e, in rappresentanza del comparto vitivinicolo del Piemonte, un enologo del Consorzio di tutela Nebbioli Alto Piemonte.

Domenica e lunedì due eventi dedicati ai  “Grandi autoctoni siciliani: Grillo e Nero d’Avola”.

Domenica 17 luglio, dalle 12:00 alle 13: 30 e lunedì 18 luglio dalle 10:00 alle 11: 30.

Due gruppi internazionali di esperti, sommelier, giornalisti e buyer del settore saranno impegnati in  una serie di degustazioni tecniche (private tasting), su una selezione di etichette fornite dal Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia, dedicata ai due ”Principi” dei  vitigni siciliani.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*