“Io c’ero”, romanzo di Valentina Gebbia, Giacomo Bommarito e Nunzio Giangrande il 9 marzo alla Feltrinelli di Palermo

Sarà presentato in anteprima venerdì 9 marzo, a partire dalle 18,30 alla libreria Feltrinelli di Palermo, il nuovo sorprendente romanzo di Valentina Gebbia, Giacomo Bommarito e Nunzio Giangrande, “Io c’ero”, edito da Dario Flaccovio editore. Presente anche Stefania Petyx, inviata di “Striscia la notizia”.

Chi ha paura di Salvatore Giuliano? Perché i documenti che lo riguardano sono ancora coperti dal segreto di Stato? Sono tanti gli interrogativi che ruotano attorno alla figura di Salvatore Giuliano. Un giovane amato dalla sua terra che ancora lo ricorda con affetto, un bandito temibile di cui persino i servizi segreti internazionali si sono occupati. Accusato di essere il fautore della strage di Portella della Ginestra, il suo nome fa ancora discutere, a quasi 70 anni dalla sua morte.

E sui misteri che aleggiano attorno alla figura di Salvatore Giuliano ha indagato Valentina Gebbia, scrittrice, giornalista e regista, insieme al criminologo Nunzio Giangrande. Hanno incontrato l’ultimo testimone oculare, un uomo (oggi ultraottantenne) che fu la “vedetta” di Salvatore Giuliano e che è stato al suo fianco negli anni della latitanza. E dal suo racconto emergono scioccanti rivelazioni che rimettono in discussione l’intera vicenda.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*