Sequestrate dalla Guardia di Finanza in un’abitazione di Acireale, armi e munizioni illegali e beni e valori ingiustificati, denunciati due acesi

Armi e munizioni sequestrate

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, a seguito di mirata attività di intelligence economico-finanziaria e di specifici servizi di osservazione e controllo del territorio, hanno sequestrato munizioni di vario calibro, armi, droga e orologi di valore occultati all’interno di un’abitazione di Acireale.

In particolare, militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catania, con l’ausilio di un’unità cinofila e personale Anti Terrorismo e Pronto Impiego del Gruppo di Catania, hanno effettuato una perquisizione presso l’appartamento occupato da G.M. (cl.1955) e G.F. (cl.1976) – rispettivamente padre e figlio, entrambi con precedenti di polizia per reati di furto – ove le Fiamme Gialle avevano rilevato dei movimenti sospetti.

L’attività operativa ha consentito di individuare e sottoporre a sequestro 1 pistola semi-automatica, 1 fucile e munizioni di vario calibro, detenute illegalmente, nonché alcune dosi di sostanza stupefacente del tipo marijuana e cocaina ed infine, quali beni e valori di possibile provenienza furtiva e ingiustificati, 12 orologi di valore e 5 assegni, questi ultimi dell’importo complessivo di oltre 14 mila euro.

Informata la Procura della Repubblica di Catania, i due acesi sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria per ricettazione, detenzione abusiva di armi e violazioni alle leggi di pubblica sicurezza nonché alla Prefettura di Catania per la detenzione di sostanza stupefacente di modica quantità.

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*