Serie C, Catania raggiunto (2-2) nel recupero dalla Cavese, le reti etnee di Bucolo e Sarno

Cavese - Catania: 2-2

Beffa finale oggi pomeriggio per il Catania di Walter Novellino che, nell’ultima trasferta della stagione regolare, in casa della Cavese, è stato raggiunto sul 2-2 dai padroni di casa di Giacomo Modica su calcio di rigore al 92′ dopo che i rossazzurri conducevano addirittura al 49′ per 2-0. Altra partita strana, deludente, nel campionato della squadra di Walter Novellino che, ancora una volta, conferma l’incapacità di chiudere le partite quando è in vantaggio e che evidenzia la solita poca personalità di un gruppo che adesso nei play off dovrà davvero dare di più per andare avanti e per centrare l’obiettivo serie B.

E pensare che il Catania ha subito centrato il vantaggio, riuscendo a passare  all’8′ grazie allo spettacolare sinistro al volo di Bucolo su passaggio di Calapai. La Cavese ha provato comunque a a rispondere e al 18′ Rosafio ha calciato benissimo trovando la respinta di Pisseri ed allo scadere dei primi 45′ è stato ancora il numero uno del Catania a fermare il tiro di Fella.

Nella ripresa nel Catania subentrava Marotta per Llama e nella Cavese Palomeque per Bruno.  Al 50′ il Catania raddoppiava con Sarno che approfittava di un preciso appoggio di Marotta e si presentava davanti a De Brasi infilando il portiere avversario per il 2-0.  A questo punto il Catania provava ad addormentare la gara e gestire il doppio vantaggio, ma al 70′ la Cavese riapriva il match con un preciso colpo di testa di Magrassi su cross di Rosafio. I padroni di casa sul 2-1 ci credevano e provavano a centrare il pari mentre il Catania faceva subentrare Rizzo, Carriero e Manneh e la gara si manteneva sempre in bilico fino ad arrivare ai 4′ di recupero. Al 92′ la beffa per gli ospiti: fallo di Biagianti su Nunziante e rigore per la Cavese che il mobilissimo De Rosa trasformava per il 2-2 finale. .

Rossazzurri che hanno sprecato la possibilità di portarsi a +5 sul Catanzaro sconfitt a Siracusa e che rischiano, invece, di esser superata sul filo di lana dai calabresi, attesi dal recupero interno l’1 Maggio con la Viterbese e dal successivo impegno col Trapani, sempre al “Ceravolo”, nella gara dell’ultima giornata. Al Catania, con 64 punti in classifica, in campo domenica prossima al “Massimino” contro il Rieti, potrebbe non bastare una vittoria sui laziali  per avere la certezza del terzo posto.
di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*