“Giornata Nazionale del Trekking Urbano” a Belpasso, Leonforte e Ragusa

La casa di Montalbano a Punta Secca, Marinella nella fiction tv

Anche la Sicilia aderisce alla “Giornata Nazionale del Trekking Urbano”, con i comuni di Belpasso, Leonforte e Ragusa: la 19esima edizione dell’appuntamento, sempre più atteso e partecipato, si svolgerà ufficialmente lunedì 31 ottobre in 71 comuni delle 17 regioni aderenti alla manifestazione, ideata dal Comune di Siena e in collaborazione con le tre associazione di guide turistiche locali: Associazione Centro Guide, AGT e Federagit. L’evento, che si propone di promuovere il turismo sostenibile, incentivare la scoperta del territorio e valorizzarne le sue bellezze, paesaggistiche, culturali e gastronomiche, si estende e conquista anche la prima grande città europea, quella di Porto, grazie alla collaborazione con URBiNAT, progetto finanziato nell’ambito del programma Horizon 2020 dell’Unione Europea.

“CHE SPETTACOLO DI TREKKING” – La manifestazione coinvolgerà, all’insegna dello slogan “Che Spettacolo di Trekking”, tutto il territorio nazionale da Nord a SudIn elenco, si scorgono tanti capoluoghi di provincia come Bologna, Ancona, Cagliari, Trento e Urbino, città d’eccellenza quali Mantova, Arezzo, Salerno, Lucca e Aosta, nonché borghi meno conosciuti ma non meno meritevoli, come Cassino, Amelia, Narni, Murlo, Ceglie Messapica, Tarquinia e Sestri Levante. I percorsi avranno una durata media di due-tre ore e avranno una difficoltà variabile. Tutti i dettagli su orari e itinerari su www.trekkingurbano.info/trekking-urbano-itinerari-2022/.

L’ELENCO DETTAGLIATO – I comuni che hanno aderito per l’edizione 2022 sono: Acqui Terme, Amelia, Anagni, Ancona, Aosta, Arezzo, Asciano, Ascoli Piceno, Asolo, Belpasso, Biella, Bologna, Cagliari, Cassino, Castelfranco Veneto, Capaccio Paestum, Ceglie Messapica, Cividale del Friuli, Colli al Metauro, Conegliano, Correggio, Crescentino, Druento, Ercolano, Este, Feltre, Fermo, Grosseto, Ivrea, Lecco, Leonforte, Lucca, Macerata, Manerba del Garda, Mantova, Massafra, Monselice, Montagnana, Massa Marittima, Murlo, Narni, Oderzo, Padova, Palmanova, Passirano, Pavia, Pergola, Pisa, Prato, Ragusa, Rieti, Roncade, Rovato, Rovigo, Salerno, San Severino Marche, Sestri Levante, Siena, Sondrio, Sovizzo, Spoleto, Tarquinia, Tempio Pausania, Terracina, Trento, Urbania, Urbino, Valdobbiadene, Venaria Reale, Vittorio Veneto.

A SPASSO PER BELPASSO… LA SCACCHIERA DELL’ETNA – “Melior de Cinere Surgo”. Questo il motto che campeggia sullo stemma di Belpasso, comune del Parco dell’Etna. Un itinerario alla scoperta di questa ridente cittadina, ai piedi del vulcano patrimonio Unesco, rifondata per ben due volte, distrutta dalla colata lavica del 1669 e dal terremoto del 1693. Un viaggio che si snoderà da Piazza Duomo, già piazza della Loggia, percorrendo la lunghissima via Roma, un tempo via Etna, fino al giardino comunale dedicato al grande poeta e commediografo siciliano “Nino Martoglio” che qui a Belpasso nacque il 3 Dicembre 1870. Un’occasione per conoscere e toccare da vicino le opere scultoree del percorso dedicato all’Etna ed al Mito, un vero e proprio museo a cielo aperto, eseguite durante i diversi simposi internazionali di scultura su pietra lavica, nell’ambito del progetto “Belpasso città delle 100 sculture” ma non solo. Palazzi, piazze, vie, nel segno della memoria, dell’Etna e delle sue genti. INFO PERCORSO – Tempo di percorrenza: 1 h Lunghezza: 2 km Difficoltà: Bassa Punto di partenza: Punto IAT Piazza Duomo Orario di partenza: ore 15.

LE VIE DEL PRINCIPE – Una passeggiata che attraversa gran parte della memoria storico-antropologica di Leonforte, città fondata dal Principe Nicolò Placido Branciforti nel 1610. Il percorso parte dallo spiazzale della chiesa dell’ex convento dei Cappuccini, dove è possibile visitare il mausoleo del Principe e la gigantesca tela di Pietro novelli ( L’elezione di Mattia all’apostolato). Si prosegue verso la chiesa di San Giuseppe, con le prestigiose opere del pittore fiammingo Borremans. Altra tappa fondamentale è il monumento simbolo della città, la GRANFONTE , monumentale fontana costruita del 1652 ed il Giardino/Fontana delle Ninfe, costruita nel 1636, ispirata alle fontane barocche di Roma. Proseguendo l’ascesa verso la fine del percorso si incontreranno la chiesa di Santo Stefano, con la sua originale pianta ottagonale, la Matrice (chiesa Madre), la chiesetta di Santa Croce e alla fine “la Madonnina”, da dove è possibile ammirare una suggestiva panoramica della città. INFO PERCORSO Tempo di percorrenza: 1 h Lunghezza: 4,1 km Difficoltà: Media Punto di partenza: piazza Cappuccini.

A RAGUSA “CIAK SI GIRA!” – All’insegna del turismo lento e sostenibile, il Comune di Ragusa ha deciso di promuovere quei luoghi della città che per la loro bellezza e il loro valore architettonico, paesaggistico, culturale sono stati scelti da registi famosi per set di film e di serie televisive di successo. Due i percorsi che condurranno i viaggiatori ad “attraversare” idealmente lo schermo e trasformarsi loro da spettatori a protagonisti. Due itinerari che valorizzeranno i set dove sono state girate scene della famosa fiction “Il Commissario Montalbano” tratta dai romanzi di Andrea Camilleri, serie tv girata in massima parte a Ragusa e provincia, dal 1999, anno in cui Luca Zingaretti interpretò per la prima volta il commissario Salvo Montalbano, a cui ha dato il volto per oltre 20 anni. Altri movie set sono quelli del film “La Matassa” (2009) di Ficarra e Picone, del film “L’Uomo delle Stelle” (1995) di Giuseppe Tornatore con Sergio Castellitto, della serie tv Il Capo dei Capi con l’attore Claudio Gioè. INFO PERCORSO Tempo di percorrenza: 1 h e 45’ Lunghezza: 2,5 km Difficoltà: Bassa Punto di partenza: Strada Nuova – Teatro Fraschini Orario di partenza: Domenica 30 e lunedì 31 ore 10:30.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*