Carmelo De Caudo rieletto segretario generale della Cgil etnea

Carmelo De Caudo

Carmelo De Caudo è stato rieletto segretario generale della Cgil di Catania. L’elezione è avvenuta oggi pomeriggio con 94 voti favorevoli, 3 contrari e 4 astenuti, nel corso del 17º congresso provinciale dal titolo “A Catania il Lavoro crea il futuro” durato due giorni.  De Caudo ha iniziato la sua militanza nella Filt Cgil come delegato Alitalia nel 1995, ed è stato  segretario generale della Filt Cgil di Catania nonché  componente della segreteria regionale Filt Cgil Sicilia. Dal 2017 al 2021 è stato segretario generale dello Spi Cgil Catania. Dal giugno del 2021 è stato segretario generale della Cgil proposto dai centri regolatori e votato in presenza del segretario generale della Cgil nazionale, Maurizio Landini.

Nel ringraziare i delegati al congresso, De Caudo ha annunciato che tra le prime iniziative della nuova segreteria ci sarà uno speciale evento dedicato alla questione appalti, insieme a nuove attività di analisi e di contrasto a quel “lavoro povero” che in città aumenta senza sosta, ma soprattutto “una rinnovata attenzione alle potenzialità dell’industria. La Cgil ha sempre dato valore alla centralità della Zona industriale nel territorio e all’alto livello di cultura digitale ed elettronica dei nostri giovani e delle nostre Università”.

La seconda giornata del congresso ha ospitato gli interventi di Ignazio Giudice, segretario per l’organizzazione di Cgil Sicilia che ha posto in particolare l’attenzione sulle insufficienze della legge contro lo stalking e del diritto alla salute, e di Lara Ghiglione, della Cgil nazionale che tra i tanti temi trattati (contrattazione, cultura della solidarietà, l’ attenzione alle donne, le pensioni future dei giovani di oggi) ha sottolineato il pericolo delle “letture strumentali” della realtà da parte del nuovo governo nazionale, a cominciare dalla retorica contro le fasce povere “laddove sembra che i poveri scelgano di essere tali. La nuova narrazione della Destra preferisce dipingerli come coloro che scelgono di non lavorare, ignorando volutamente che sono in tanti a non possedere gli strumenti o le opportunità per trovare un lavoro. Dall ‘altro lato, viene oscurato un dato fondamentale: il reddito di cittadinanza serve anche a sostenere il nucleo familiare che nella maggior parte dei casi è composto da minori”. 

Ma sopratutto, la giornata ha raccolto i contributi dei delegati e dei dirigenti del sindacato catanese che si conferma primo a Catania e provincia. Il dibattito ha toccato parecchi “punti caldi” del presente e del futuro della Camera del Lavoro e della città stessa. Tra i temi più dibattuti, l’attenzione ai più fragili e alle differenze, la necessità di rilanciare la contrattazione sociale, di mantenere sempre alta l’attenzione sui rischi dell’autonomia differenziata e sulla violenza contro le donne, anche le più anziane; l’importanza di confrontarsi maggiormente con il volontariato cittadino, con i giovani e sempre di più con gli iscritti sin dentro i luoghi del lavoro.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*