Due arresti ieri del Commissariato di Adrano e della Squadra Mobile di Catania

Pistola e stupefacente sequestrati

Ieri pomeriggio ad Adrano, personale del Commissariato in collaborazione con la Squadra Mobile di Catania, a conclusione di un’articolata attività investigativa, ha rintracciato nei pressi del Centro storico e posto in stato di fermo il pregiudicato Nicola D’Agate, classe 1989, a carico del quale sono stati acquisiti gravi indizi di reità in ordine al reato di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Il D’Agate, infatti, risultava essere il soggetto che lo scorso 5 Marzo, si accompagnava ad Antonino Carbonaro, arrestato per detenzione illegale di 220 dosi di cocaina. Il fermato dopo le formalità di rito è stato associato nella casa Circondariale Piazza Lanza di Catania.

La collaborazione del personale del Commissariato di Adrano e della Squadra Mobile di Catania sempre ieri pomeriggio, ha permesso di aggiudicare alla giustizia un altro spacciatore. Infatti, sempre ad Adrano, a seguito di una perquisizione locale, in contrada Dagala, ha arrestato Marco Ricca cl. ‘90, il quale deteneva, all’interno di un casolare, una pistola con matricola abrasa cal.7.65 con relativo munizionamento, 30 cartucce cal. 7,65, piccole dosi di marijuana nonché attrezzature per lavorazione ed essiccamento di sostanza. Da successiva perquisizione effettuata nell’abitazione del Ricca, è stata rinvenuta e sequestrata ulteriore sostanza stupefacente del tipo marijuana per un peso complessivo di circa gr.530. Pertanto, è stato arrestato per detenzione illegale di arma clandestina, nonché detenzione, produzione e lavorazione illegale di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*