Sciopero dei medici, “#100 ASSEMBLEE IN CITTÀ”, si parte domani da Enna, si prosegue venerdì a Catania

Medici

Vista la totale assenza di risposte da parte di Governo e istituzioni, tutte le organizzazioni sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria (AAROI-EMAC, ANAAO ASSOMED, CIMO, CGIL FP MEDICI, CISL MEDICI, FASSID, FESMED, FVM, UIL FPL MEDICI), parteciperanno compatte allo sciopero dell’intera la classe medica indetto per le giornate del 17 e 18 marzo altre 48 ore di sciopero (dopo quello del 16 dicembre scorso) in prosecuzione della stessa vertenza.

La protesta dà la misura di quanto grande sia la determinazione che le OO.SS. mediche, veterinarie e sanitarie hanno messo in campo per far valere le ragioni delle loro rivendicazioni e la consapevolezza del pericolo che sta correndo la tenuta del Sistema Sanitario Nazionale. Alzare il livello dello scontro presuppone obiettivi chiari, condivisibili e condivisi attraverso una campagna di sensibilizzazione il più capillare possibile.

Con lo slogan # 100 ASSEMBLEE IN CITTÀ, le organizzazioni sindacali mediche fanno capire l’impegno profuso per alzare il livello di attenzione verso un problema, quello sanitario nazionale, che riguarda tutti e che ha portato alla decisione di incrociare le braccia per 48 ore.
A tal fine, nel percorso di preparazione allo sciopero nazionale del 17 e 18 marzo, giovedì 10 marzo alle ore 12.00 nella sala convegni del P.O. Umberto I° di Enna, si svolgerà l’assemblea intersindacale di tutta la dirigenza medica veterinaria e sanitaria dell’ASP Enna con la partecipazione di Pietro Pata, segretario regionale Anaao Assomed Sicilia.

Inoltre, venerdì 11 marzo alle ore 11.00, nell’Aula Magna del POLICLINICO di Catania, si svolgerà l’assemblea intersindacale di tutta la dirigenza medica veterinaria e sanitaria dell’AOUP V. Emanuele.

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*