Serie C, il Catania espugna per 1-0 il terreno di gioco del Cosenza, per gli etnei quarta vittoria consecutiva

Quarta vittoria consecutiva per il Catania di mister Lucarelli. I rossazzurri infatti hanno espugnato per 1-0 il terreno di gioco del Cosenza grazie ad una rete siglata all’11’ del primo tempo da Mazzarani (cross dalla sinistra di Djordjevic, Perina usciva male e respingeva sui piedi di Mazzarani che in mezza girata insaccava). Per tutta la prima frazione i rossazzurri hanno poi costruito poco in avanti, ma la difesa etnea ha ben controllato le iniziative veementi dei padrni di casa che comunque, non sono riusciti ad impensierire Pisseri.

Nella ripresa Lucarelli ha mandato in campo Caccetta, Bucolo, Curiale, Fornito e Russotto, pensando anche al match di martedì al “Massimino” con il Monopoli. Da sottolineare che i secondi 45′ hanno visto protagonista il Cosenza che ha provato con Statella, Baclet e Mungo a scardinare la ben organizzata difesa etnea e l’occasione più ghiotta è arrivata al 70′ con la girata di Pinna su cui è stato davvero miracoloso Pisseri. Nei minuti finali i calabresi hanno provato ancora con lunghi lanci a cercare la testa di Baclet ma la difesa catanese ha tenuto bene e dopo i 4′ di recupero i rossazzurri hanno festeggiato il quarto successo consecutivo della stagione.

Catania sicuramente poco prolifico in avanti, ma estremamente cinico ed organizzato ed attento in difesa. Cosenza che ha messo in campo il cuore, ma spesso i calabresi hanno mostrato poco determinazione nei pressi dell’area di Pisseri.

Adesso per i rossazzurri neanche il tempo di godersi la vittoria che martedì sera, alle ore 20.30, c’è in programma il big match contro il Monopoli.

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*