Indagati due uomini dagli agenti del Commissariato Borgo Ognina per truffa in concorso

Polizia in azione

Nei giorni scorsi, personale del Commissariato Borgo Ognina ha indagato in stato di libertà 2 uomini per il reato truffa in concorso ai danni di una giovane donna e uno di questi anche per il reato di millantato credito.  Una ragazza, trovandosi in difficoltà economica e senza lavoro, si è rivolta ad un amico di famiglia che le ha garantito un posto di lavoro presso una struttura sanitaria privata e, a tal fine, l’uomo le ha anche fatto incontrare un proprio conoscente che sin da subito ha millantato di avere le conoscenze idonee per assicurare l’assunzione così come riferito dallo stesso amico della ragazza. La donna, in vista dell’opportunità del posto di lavoro e così come le era stato richiesto, ha dovuto versare una somma di denaro e, a fronte di ciò, non è mai stata assunta. Fatto di rilievo è che la ragazza, tramite messaggio, è stata persino invitata a presentarsi presso l’anzidetta struttura sanitaria ma, una volta recatasi nel luogo, non ha ricevuto alcun riscontro e nessuno era a conoscenza né dell’appuntamento né di detta presunta assunzione. Inoltre, durante l’attività di polizia, è stata sentita una testimone che ha accompagnato l’amica e quindi partecipato all’incontro con i malfattori; in tale circostanza, anche questa, allettata dalla promessa di un posto di lavoro, ha versato invano una somma di denaro. La giovane vittima, alla luce di quanto esposto e atteso che non gli è stata restituita la somma versata, ha presentato querela e, a seguito di attività info investigativa, i due malfattori sono stati individuati e deferiti all’Autorità Giudiziaria.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*